Condizionatore: quando è il momento giusto per acquistarlo?
11-09-2017
Condizionatore: quando è il momento giusto per acquistarlo?

Tu non sei di quelli che corrono a cercare il condizionatore all’ultimo minuto quando c’è il picco di caldo, vero? Non sei neppure di quelli che ci pensano a fine maggio, rischiando magari di non arrivare a completare tutti i lavori necessari. Tu vuoi valutare il momento migliore, quello del miglior prezzo.

Perfetto. Allora ragioniamoci insieme partendo da due presupposti: esiste una stagionalità dei prezzi e puoi usare il tuo condizionatore anche per il riscaldamento. In base a questi presupposti potrai valutare quando fare l’acquisto giusto al momento giusto.

Quando i prezzi del condizionatore sono più convenienti?

La formula degli acquisti anticiclici, ovvero fare un acquisto in un momento in cui c’è poca richiesta di un prodotto stagionale per poter risparmiare, è sempre un buon punto di partenza.

Negli anni abbiamo potuto osservare infatti che al picco del caldo, dalla primavera ad agosto e durante le grandi ondate di caldo (ricordate Lucifero ad agosto?), le richieste di condizionatori hanno un vero e proprio picco, così come i loro prezzi.

Abbiamo però notato che esiste un altro trend che agisce sui prezzi, ovvero gli acquisti fuori stagione.

Quindi? Non è mai il momento buono? Non è così, seguitemi ancora un po’.

L’acquisto del condizionatore effettuato in autunno e inverno è più razionale. Non stai correndo ai ripari per una situazione di emergenza, non sei sull’onda della necessità. Hai tutto il tempo di ragionare, di valutare i modelli con le prestazioni migliori e il miglior rapporto qualità/prezzo. Di conseguenza è più probabile che punterai ad un buon condizionatore, di alta qualità e ad alta efficienza, avendo anche molti più modelli a disposizione.

Altro fattore fondamentale da tenere in considerazione, se non ti accontenti di un condizionatore portatile, che in genere ha dei consumi piuttosto elevati, è che da ottobre a marzo è più facile trovare installatori disponibili. Ricorda che il fai da te non è più possibile oggi e che rischi una multa salata. Hai bisogno del professionista giusto.

Puoi usare il condizionatore per il riscaldamento

Scegliendo un condizionatore a inverter con pompa di calore puoi anche scaldare la tua casa con il tuo impianto di condizionamento.

Conviene? Un condizionatore ha un consumo di 600W in classe A fino a 1300W per la classe G, ormai obsoleta. Calcolando un costo elettrico medio di 0,20€ non supereremo in genere i 200€ annui, circa 17/20 € al mese.  È più conveniente della tua caldaia a metano? Probabilmente sì.

Considera che se sei vicino al lago di Garda probabilmente la temperatura media dell’inverno potrebbe rimanere piuttosto mite, ma se le temperature scendono fino allo zero, o meno, parte del consumo del condizionatore verrà impiegato per scongelare i fluidi e questo porterebbe a picchi di consumo. Per questo, nelle località in cui le temperature possono essere rigide è bene alternare l’utilizzo alternato di caldaia e condizionatore per raggiungere il massimo del risparmio (energetico e ambientale!).

Direi che è giunto il momento di dare un occhiata al tuo impianto, cosa ne dici?

E per chiudere in bellezza approfitta anche del bonus fiscale 2017

Il bonus fiscale per i condizionatori riguarda solamente i condizionatori in pompa di calore e viene ripartito in questo modo:

  • 50% sull’acquisto in concomitanza con la ristrutturazione per i condizionatori a pompa di calore anche non ad alta efficienza purché a risparmio energetico
  • 65% sull’acquisto in concomitanza con la ristrutturazione per i condizionatori a pompa di calore ad alta efficienza che sostituiscono l’impianto esistente e riguarda abitazioni private, uffici, negozio, etc.
  • 50% sull’acquisto anche non in concomitanza con la ristrutturazione se rientra nei lavori agevolabili in 10 anni.

Non sai bene se hai diritto all’agevolazione? Ti aiuta Elettrovolt. Chiamaci per una consulenza gratuita e ti daremo tutte le informazioni che ti servono.